Multa Napoli: Adl vuole difendere l’immagine della società

caos napoli

Multa Nappoli – Aurelio De Laurentiis sembra intenzionato a far passare la linea dura. Dopo l’ammutinamento il presidente è pronto a tutelare l’immagine della società. 

Secondo l’edizione odierna de il Corriere del Mezzogiorno Aurelio De Laurentiis da Los Angelese sta pensando alla multa da infliggere ai calciatore del Napoli dopo l’ammutinamento. La linea dura sembra la strada che vuole imboccare il presidente del Napoli.

Multa Napoli

Il Napoli ha tempo fino al 25 novembre per contestare per iscritto l’addebito ai calciatori del Napoli. L’ammutinamento ha lasciato l’amaro in bocca al presidente Aurelio De Laurentiis e secondo quanto riferisce il Corriere del Mezzogiorno il patron vuole tutelare i propri diritti fino in fondo, così come aveva fatto ampiamente intuire attraverso il comunicato ufficiale emesso dopo la vicenda post Salisburgo. A quanto pare De Laurentiis non è “intenzionato ad intervenire per la violazione dell’art.1 dell’accordo collettivo tra Lega Serie A, Figc e Aia” ma il patron è “indignato per il danno d’immagine subito dal club. Il Napoli – viene scritto sul Cdm – vuole colpire soprattutto i big dello spogliatoio che avrebbero trascianto l’intero gruppo all’atto di disobbedienza bloccando i diritti d’immagine che vengono disciplinati da un contratto apposito“.

Battaglia legale

Il Napoli come spiegato ai nostri microfoni dall’avvocato Orsino potrebbe imporre una multa del 5% sul lordo mensile dello stipendio, in questo caso potrebbe farla partire immediatamente. Ma la multa potrebbe arrivare fino al 25% ed anche fino al 50%, ma in quest’ultimo caso dovrebbero essere contestate altre violazioni. In ogni caso i giocatori hanno diritto di presentare ricorso e sarebbe un collegio arbitrale a decidere sul da farsi. Ovviamente in questi casi i tempi si dilaterebbero e si parla anche di oltre i 60 giorni per avere una decisione. Qualora si dovesse intraprendere questa battaglia legale non è detto che la squadra non possa risentirne ancora di più. Questo mette comunque il presidente dinanzi ad una scelta importante, anche se pare chiaro che qualche provvedimento deve essere preso in ogni caso.