Calcio Napoli

Milan-Napoli: ‘Rigorino’ Bakayoko, arriva la sentenza dell’ex arbitro Casarin

Il rigore non concesso al Milan nel match con il Napoli per presunto fallo di Tiemoué Bakayoko in Milan-Napoli analizzato da Paolo Casarin

Il rigore non concesso al Milan nel match con il Napoli per presunto fallo di Tiemoué Bakayoko in Milan-Napoli analizzato da Paolo Casarin.

C’è un episodio di Milan-Napoli che sta facendo discutere, il rigore non concesso per un presunto contatto tra Bakayoko e Theo Hernandez. L’arbitro Pasqua non aveva nemmeno fermato il gioco dopo l’episodio in area di rigore del Napoli, ci ha pensato poi il Var Mazzoleni a richiamare l’attenzione del direttore di gara. A quel punto Pasqua ha visto più volte l’immagine al video, ma ha comunque deciso di non assegnare il calcio di rigore al Milan, che secondo Pioli poteva essere concesso. Di diverso avviso l’ex arbitro Paolo Casarin, moviolista del Corriere della Sera che sul rigore in Milan-Napoli commenta così il presunto fallo di Bakayoko: “In Milan-Napoli condivido la decisione di Pasqua che non concede il solito ‘rigorino’ per l’intervento di Bakayoko su Theo Hernandez“.

Insomma secondo l’ex fischietto non c’è assolutamente il calcio di rigore, anche perché il tocco di Bakayoko appare impercettibile. Theo Hernandez, che qualche minuto dopo fa un’entrata bruttissima su Osimhen lanciato a rete e e non viene espulso, sembra svenire completamente al primo accenno di contatto. Diversa la sensazione avuta negli studi di Sky dopo commentando il rigore in Milan-Napoli per il contatto Bakayoko-Hernandez hanno sentenziato: “Il tocco è netto, andava sicuramente concesso“. Per far capire la complessità della decisione di Pasqua, riportiamo anche le dichiarazioni di Pecci e Tardelli negli studi della Domenica Sportiva, i due ex calciatori in maniera unanime confermano: “Non era rigore“.

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.