ULTIME NOTIZIE SU NAPOLI

La frase di De Laurentiis che fa infuriare Morotta, la Serie A è spaccata

scontro de laurentiis marotta
Ultimo aggiornamento:

Durante la riunione di Lega è andato in scena uno scontro tra Aurelio De Laurentiis, presidente del Napoli e Giuseppe Marotta, dg dell’Inter.

Lo scontro tra De Laurentiis e Marotta si è consumato in video conferenza, durante una riunione di Lega in cui si parlava della possibilità di far ripartire il campionato e le possibili date. Secondo quanto riportato da Corriere dello Sport, la frase di De Laurentiis che ha fatto scatenare la reazione di Marotta è stata relativa alle partenze dei giocatori verso i propri paesi d’origine. De Laurentiis, senza far riferimento nessun club, ha “sottolineato quanto non fosse da imprenditori accorti consentire a propri dipendenti il permesso di andare a raggiungere le famiglie all’estero” scrive Corriere dello Sport.

Proprio le parole di De Laurentiis, spalleggiato anche da Claudio Lotito della Lazio, hanno innescato la reazione di Marotta che ha sottolineato come la “decisione dell’Inter è stata dettata da un decreto del governo e dalle norme emanate dalla Regione Lombardia” e che la società nerazzurra ha dato per scontato che alla ripresa degli allenamenti i calciatori saranno presenti.

Ripresa Serie A: Lega spaccata

Lo scontro tra De Laurentiis e Marotta non è l’unico che si è consumato in Lega Calcio. Come ad ogni riunione si sono create fazioni e divisioni, ancora di più in questo momento di totale incertezza. Motivo della spaccatura la ripresa della Serie A. Napoli, Lazio,Roma e Cagliari vogliono che il campionato riprenda anche se si dovesse arrivare dopo giugno, mentre altri club come Brescia, Inter, Udinese, Torino e Genoa pensano seriamente allo stop. Per il momento restano neutrali la Juventus, il Bologna, Sassuolo e Milan. Al momento non è ancora chiaro quando potranno riprendere gli allenamenti, anche perché pare abbastanza scontato che anche il governo allungherà la quarantena fino a dopo Pasqua, come già fatto ieri dal governatore De Luca.

Archivi