Rassegna Stampa

IL MATTINO – Il destino di Insigne è scritto, Spalletti subito a confronto col capitano

Il capitano del Napoli è rientrato a Castel Volturno da Campione d'Europa

Lorenzo Insigne ed il Napoli non c’è alcun accordo per il rinnovo di contratto. Anche perché le due parti nemmeno si parlano. Ieri Insigne è tornato a Castel Volturno insieme a Di Lorenzo e Meret dopo la vittoriosa spedizione dell’Italia, che ha conquistato il titolo di Campione d’Europa. Luciano Spalletti ha subito parlato con i tre i giocatori, così come aveva fatto con Insigne anche durante lo svolgimento della competizione continentale. Il nuovo tecnico del Napoli spera di avere ancora Insigne in squadra anche per la prossima stagione, tutti i segnali vanno in questo senso.

Insigne: resta con o senza rinnovo di contratto

Secondo quanto riferisce Il Mattino è davvero complicato che il calciatore possa lasciare Napoli in questa stagione. “il discorso rinnovo tra Napoli e Insigne resta sott’acqua. Pisacane, l’agente, parla di qualsiasi cosa con Giuntoli tranne che del tema in questione. Non si è mai seduto a discutere del prolungamento del contratto di Lorenzo da quando ha preso il posto di Mino Raiola nella procura del fantasista di Frattamaggiore. Tradotto: il Napoli non vuole mettere sul tavolo il rinnovo e Pisacane non ha offerte per Insigne di cui parlare per rompere la situazione d’impasse. Insomma Spalletti può stare sereno”.

Verso il parametro zero

Nessuna squadra sta avanzando offerte per il giocatore, anche se l’interesse del Barcellona resta vivo. I club sanno che dal prossimo anno potrebbero prendere il giocatore gratuitamente, come scrive anche Il Mattino: “Far restare Insigne col contratto in scadenza non è una questione che allerta il Napoli. Né Insigne. Che sa bene che liberarsi a zero tra quattro mesi, gli spalancherà mille porte“.

Leggi anche:

Mercato: Giuntoli vara il piano B.

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.