Almendra Napoli, Il Boca accelera per chiudere l’affare ma Giuntoli frena

Almendra Napoli, Il Boca accelera per chiudere l’affare. Giuntoli frena sul prezzo il presidente Angelici  che vorrebbe mettere fretta per la trattativa

[better-ads type=”banner” banner=”108237″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”center” show-caption=”1″][/better-ads]

Almendra Napoli, Il Boca accelera per chiudere l’affare ma Giuntoli frena. La questione di Agustin Almendra, ha creato molte perplessità nello staff mercato di De Laurentiis. La situazione in questo momento è in stand-by. Il presidente Angelici del Boca che ora vorrebbe mettere fretta per la chiusura di un affare estenuante. Oltre al Napoli (il club preferito dal Boca), il Porto e il Monaco, di recente anche la Juventus avrebbe chiesto informazioni agli xeneize. Dall’entourage del centrocampista classe 2000 dicono che Angelici voglia privilegiare il Napoli e si augurano che non siano stufi di questo tira e molla. Cosa molto probabile, perché il ds Giuntoli pare abbia tirato il freno a mano sulla trattativa da 20 milioni di euro, più le tasse che il Boca insisteva nel far pagare al club azzurro. A riferirlo è TuttoSport.

Almendra Napoli

Il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, ha recentemente dichiarato che il mercato in entrata degli azzurri inizierà solo dopo le prime cessioni. L’obiettivo è quello di recuperare un tesoretto da reinvestire per portare in rosa giocatori d’alto calibro.

Secondo quanto riferisce l’edizione odierna di Tuttosport, però, alcune trattative si sarebbero improvvisamente riaccese e, in caso di super affari, il presidente azzurro potrebbe regalare un primo colpo ai tifosi prima di iniziare a far cassa. Giuntoli starebbe infatti monitorando la situazione di Agustin Almendra.

L’argentino non ha trovato spazio al Mondiale Under 20 e l’interesse nei suoi confronti sarebbe notevolmente scemato. Per evitare che il suo prezzo si abbassi ancora di più, il Boca sembrerebbe intenzionato ad accelerare le trattative con il Napoli, considerato l’interlocutore prediletto.

Il Boca accelera per chiudere

Dopo il mancato impiego al mondiale under 20, il Napoli ha fatto un passo indietro rispetto all’accordo verbale che aveva finalmente trovato con il Boca: il prezzo adesso è ritenuto troppo alto.

Un mese fa c’era stata la svolta nella lunga ed estenuante trattativa tra il Napoli e il Boca Juniors per Augustìn Almendra. Finalmente i club avevano un accordo verbale, trovato attorno ai 20 milioni con alcuni dettagli ancora da limare che avrebbero potuto far ballare il costo fino a circa 22.

Giuntoli frena e tira la corda con il Boca: la situazione

Dopo un lungo tira e molla del Boca nel corso di questi 6 mesi però, la situazione si è improvvisamente ribaltata. Adesso è il Napoli che, facendo notare i soli 9 minuti più recupero giocati dal centrocampista con l’Argentina under 20 al mondiale di categoria, chiede uno sconto sul prezzo e ritiene poco congrua quella valutazione al reale valore di mercato del giocatore in questo momento storico.

C’è un po’ di preoccupazione nell’entourage di Almendra in seguito a questo passo indietro del Napoli e non a caso riaffiorano accostamenti con altri club (Monaco, Porto, Inter e un sondaggio della Juve) nel tentativo di mettere pressione al club di De Laurentiis, che in realtà ha da gennaio una corsia preferenziale con il calciatore ed è molto più avanti delle concorrenti anche con il Boca, a cui non sono arrivate proposte economiche reali al di fuori di quelle del Napoli.

I prossimi giorni potrebbero essere importanti, considerando che il presidente del Boca Daniel Angelici in questo momento è in Europa, precisamente a Parigi, reduce dal congresso FIFA di questa settimana.