Varie-Calcio

Paparesta e la tecnologia: “Serve uniformità, troppi errori arbitrali in Europa”

Gianluca Paparesta è intervenuto ai microfoni di Radio Punto Nuovo per parlare di arbitri e tecnologia nel calcio.

Il gol non convalidato a Cristiano Ronaldo fa scattare l’allarme sull’assenza di tecnologia nelle qualificazioni per i mondiali di Qatar 2022. Il campioni portoghese ha avuto una reazione pesantissima al gol non convalidato nella sfida tra Portogallo e Serbia, match in cui non era presente la goal line technology. Sull’argomento è intervenuto Gianluca Paparesta che ha detto: “E’ impensabile che dopo che tanti arbitri sono stati abituati al sistema della gol line Technology e del VAR, si trovino poi di punto e in bianco a cambiare metodologia d’approccio ad una gara in cui la tecnologia non esiste più. È una cosa fuori dal tempo e dal calcio attuale. In Bulgaria non c’è la tecnologia? Perché non si investe. Poiché si percepiscono dei ricavi importanti, una fetta di quei ricavi andava investita per il mezzo tecnologico. È impensabile pensare che ad una partita come Italia- Irlanda del Nord ci sia e in un’altra dello stesso raggruppamento non ci sia“.

Paparesta critica pesantemente la mancanza della tecnologia a favore degli arbitri in giro per l’Europa: “Un arbitro abituato alla tecnologia in serie A, in serie B non ha l’aiuto sul fuorigioco, sull’espulsioni e si trovano errori incredibili. Arbitri italiani i migliori? Sono sicuramente tra i migliori sia per la qualità del campionato italiano sia perché sono bravi con quelle tecnologie che ora sono abituati ad usare. Il problema non è la qualità dell’arbitro, ma l’uniformità delle tecnologie e dell’arbitraggio in tutto il mondo. Più se ne discosta, più ci saranno errori“.

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.