Napoli, Llorente: “C’era rigore contro il Cagliari, non sono uno che simula. E’ stata molto dura…”

Il Navarro presenta la sfida con il Brescia e torna a parlare del presunto rigore negato dall'arbitro di Bello

Napoli, Llorente: "C'era rigore contro il Cagliari, non sono uno che simula"

La foto del presunto rigore su Fernando Llorente in Napoli-Cagliari ha fatto il giro del web. Molti tra tifosi e giornalisti si sono interrogati senza arrivare ad una conclusione certe. A chiarire l’arcano ci ha pensato l’attaccante spagno, Fernando Llorente, che ai miscrofoni della radio ufficiale del calcio Napoli ammette che il fallo da lui subito era da rigore.
Napoli, Llorente: "C'era rigore contro il Cagliari, non sono uno che simula"

RIGORE SU LLORENTE

E’ stata molto dura perdere con il Cagliari, perché abbiamo giocato una buonissima gara. Ora abbiamo l’opportunità di vincere con il Brescia per riprendere il nostro cammino. Sono una buona squadra, faremo di tutto per continuare ed aver la fortuna dalla nostra parte. Con le tante occasioni speriamo di fare più gol.
C’era rigore contro il Cagliari? “Mi hanno tirato la maglia, me l’hanno rotta. E’ un vero peccato. Io non sono uno che si butta per terra, ma l’arbitro vedendolo doveva fischiarlo. Speriamo di essere più fortunati la prossima”.”
.

Llorente aggiunge: “Sono arrivato qui con il massimo entusiasmo, ho la voglia di un bambino, voglio dare il massimo e cercare di migliorare sempre ogni volta che ho l’opportunità. Bisogna aiutare la squadra, questo è il mio obiettivo. Sono a disposizione di mister Ancelotti, qualsiasi cosa lui mi chieda io sono qui.

OBBIETTIVI DEL NAPOLI

“Con Milik mi sono trovato benissimo, è un centravanti di movimento, lo fa molto bene, crea tanti spazi e lotta per la squadra, quello è importante. Bisogna dare il massimo sempre in ogni partita. Bacio alla maglia? E’ stato veramente straordinario, speciale, è stata una bella rivincita per me contro il Liverpool. L’importante sarà giocare sempre con quella intensità.
Lo Scudetto? Contro il Brescia dovrà essere come con il Liverpool, quella è la strada per arrivare lontano. Poi alla fine tireremo le somme”.

“In Champions contro il Genk non sarà facile, sarà importante vincere per tenere la testa del gruppo. Conte all’Inter? E’ un tecnico importante, ma Ancelotti non è da meno.
Fabian Ruiz? E’ un calciatore importante, il futuro della nostra nazionale.
Napoli? E’ stato subito amore a prima vista, farò di tutto per ripagare l’affetto dei napoletani”.

false
Leggi Anche
Zlatan Ibrahimovic Napoli
Rai Sport – Il Napoli in cima ai desideri di Ibra. Lo svedese ha una grande certezza