La Juventus è la squadra più aiutata dagli arbitri. I dati

La Juventus è la squadra più aiutata dagli arbitri. I dati

La Juventus è la squadra più aiutata dagli arbitri, il Napoli quella più maltrattata dalle giacchette nere. Ecco i dati

Se il Napoli è la squadra più maltrattata dagli arbitri è la Juventus invece la formazione che più ha tratto vantaggi dagli errori e sviste arbitrali.

LA JUVENTUS È LA SQUADRA PIÙ AIUTATA DAGLI ARBITRI

JUVENTUS – NAPOLI 4 – 3, ORSATO (IRRATI). II Giornata.

Al 12’ è perdonato Pjanic che dribblato da Insigne lo stende da tergo.

Più tardi Pjanic in azione di attacco azzurro abbatte Ruiz non in possesso del pallone; Orsato è a pochi passi ma non interviene.

Al 16’ la Juventus passa in vantaggio con Danilo e raddoppia al 19’ con Huiguain.

I primi cartellini sono sventolati ai giocatori napoletani. Al 40’ è ammonito Ghoulam per fallo su Douglas Costa; 44’ è ammonito Di Lorenzo per fallo su Alex Sandro.

52’ è ammonito Matuidi per le furiose e ingiustificate proteste. Una decina di minuti più tardi non è espulso lo stesso Matuidi per l’entrataccia col piede a martello su Allan. Irrati al VAR non interviene ed Orsato non estrae il cartellino giallo per espellere lo juventino.

All’81’ segna Di Lorenzo ed il Napoli fa 3 a 3, ma al 91’ Orsato, complice Irrati, sbaglia ancora. L’arbitro dapprima fischia un fallo di Elmas su Dybala e poi ammonisce anche l’azzurro. Elmas prende nettamente il pallone. Ma non è finita. Dybala batte la punizione posizionando il pallone circa 10 metri più avanti dal punto da dove è avvenuto il fallo. Sul calcio di punizione sono 4 giocatori juventini in fuorigioco e Bonucci trattiene Koulibaly. Irrati al VAR non segnala nulla.

FIORENTINA – JUVENTUS 0 – 0, IRRATI (MAZZOLENI). III giornata.

  • Al 10’ è graziato Pjanic che stende Castrovilli che l’aveva superato in dribbling. Pjanic è ammonito al 13’ per fallo su Ribery.
  • 84’ è inspiegabilmente graziato Bentancur per il duro fallo su Castrovilli. Irrati fischia il fallo ma si dimentica di estrarre il cartellino giallo. Bentancur era già stato ammonito all’82’ per fallo sullo stesso Castrovilli.
  • 91’ Irrati ferma il gioco per un problema muscolare di Cuadrado. La decisione avviene mentre i toscani sono lanciati in attacco con la retroguardia bianconera sguarnita. Montella protesta ma Irrati lo ammonisce per proteste.

JUVENTUS – VERONA 0 – 0, LA PENNA (DI BELLO). IV giornata.

Male La Penna sul piano disciplinare. I cartellini sono tutti per gli scaligeri.

  • Al 16’ è ammonito Kumbulla per fallo su Dybala. Al 17’ è graziato Ronaldo che è protagonista di una plateale simulazione a contatto con Faraoni.
  •  19’ sul rigore assegnato al Verona non è ammonito Demiral per il fallo su Di Carmine.
  • 28’ è ammonito Amir Rrhamani per fallo su Dybala. Al 34’ è ammonito anche Faraoni per fallo su Ramsey.
  • 48’ è assegnato un rigore alla Juventus per fallo di Gunter su Cuadrado.
  •  54’ è graziato Ramsey per fallo su Zaccagni. Lo scaligero protesta ma La Penna tiene in tasca il cartellino. Ramsey trattiene con tutte le due mani l’avversario che l’aveva superato sulla fascia sinistra.
  • 67’ è graziato anche Pjanic per fallo da tergo su Veloso. La Penna fischia il fallo ma non ammonisce Pjanic.
  • 87’ La Penna fa confusione su una rimessa laterale e per proteste, fra l’altr giustificate, ammonisce l’allenatore ligure Juric. Al 94’ giunge anche l’espulsione di Kumbulla per presunto fallo su Matuidi.

Qualcuno dopo questo avanza ancora dussbi che la Juventus è la squadra più aiutata dagli arbitri? andiamo avanti allora

BRESCIA – JUVENTUS 1 – 2, PASQUA (GIACOMELLI). V giornata.

Male Pasqua. Tollerati i tanti capannelli bianconeri ad ogni fallo fischiato contro. Il 2 a 1 finale nasce sugli sviluppi di un calcio di punizione farlocco. Balotelli è una furia a fine gara: “Sempre alla Juve, tutto a loro”.

  • Al 6’ è ammonito Khedira per fallo da dietro su Balotelli e gli juventini accerchiano l’arbitro con lo stesso Khedira e Bonucci. I capannelli bianconeri intorno a Pasqua saranno molto frequenti.
  •  22’ graziato Pjanic per fallo su Donnarumma. Pjanic sarà graziato anche più tardi per il fallo da tergo, con trattenuta, ai danni di Balotelli. Al 25’ graziato anche Rabiot per fallo su Tonali.
  • 40’ è ammonito Bonucci per fallo su Donnarumma.
  •  44’ è perdonato ancora Rabiot per un fallaccio su Tonali. Pasqua fischia il fallo ma non estrae cartellini; il VAR non interviene, ma il fallo è da espulsione.
  • 56’ è ammonito De Ligt per un duro fallo su Bisoli. Nella circostanza è ammonito anche Sarri per le ingiustificate proteste. Il fallo di De Ligt è da espulsione ma nemmeno stavolta interviene il VAR.
  •  63’ segna Pjanic sugli sviluppi di un calcio di punizione inesistente. Pasqua sbaglia due volte nella stessa azione. Sul presunto fallo di Romulo concede il vantaggio e Pjanic tira verso la porta bresciana con il pallone che viene respinto dai difendenti e successivamente premia Dybala per la simulazione.
  • Al 79’ ammonito Cistana per una trattenuta a Dybala. Nella circostanza è graziato Cuadrado che aveva falciato Balotelli subito dopo (80’), a palla lontana.

JUVENTUS – SPAL 0 – 0, PICCININI (MASSA).

Imbarazzante. In una gara senza storie ci mette il suo carico anche Piccinini.

  • Al 13’ è già graziato Khedira per il duro intervento in scivolata su Missiroli. Al 21’ è perdonato anche Dybala per un duro intervento sul portiere Berisha.
  •  31’ è ammonito Khedira per una scorrettezza su Moncini. Al 34’ restano come al solito impunite le reiterate proteste di Ronaldo e Bonucci.
  • 36’ Piccinini premia l’ennesima simulazione di Dybala nei pressi dell’area di rigore avversaria. Tomovic prende nettamente il pallone.
  • 45’ passa in vantaggio la Juventus con Pjanic.
  • 48’ Ronaldo perde il pallone in un regolare contrasto con Tomovic ma protesta e Piccinini gli assegna una punizione ai limiti dell’area ferrarese.
  • Al 53’ è graziato Pjanic che da tergo stende Valdifiori in azione pericolosa ma Piccinini non fischia neanche il fallo. Al 55’ Piccinini non fa sconti a Igor per fallo su Khedira; ammonito lo spallino. All’81’ ammonito Petagna per fallo su De Ligt; la sbracciata dello spallino vale un cartellino giallo. Un minuto dopo (82’) Piccinini è invece tenero con Emre Can per la sbracciata più violenta ai danni di Reca. Emre Can è ammonito solo al 91’ per un brutto fallo sullo stesso Reca. Passa in cavalleria anche un calcetto di Ronaldo rifilato a Vicari.

INTER – JUVENTUS 1 – 2, ROCCHI (IRRATI). VII giornata.

  • Rocchi perdona tutte le simulazioni juventine; Pjanic (al 5’), Dybala (al 20’). Al 36’ Cuadrado cintura Lautaro sulla fascia destra e poi si lascia cadere traendo in inganno Rocchi che gli fischia una punizione a favore.
  •  45’ resta impunita anche la simulazione di Dybala in area interista.
  •  48’ è perdonato De Light per il duro intervento su Lautaro; Rocchi non fischia neanche il fallo del giocatore juventino.
  • Sono due i rigori negati all’Inter: al 63’ fallo di De Light su Lukaku e al 65’ spinta di Bonucci a Lukaku.
  • All’83’ è graziato col cartellino giallo il duro fallo da tergo di Emre Can su Bastoni. L’intervento è col piede a martello e non ammette errori sulla scelta del cartellino, ma Rocchi e Irrati fanno finta di nulla.
  • Al 90’ resta straordinaria l’ammonizione di Barella per presunta simulazione.

Dopo la sfida con l’Inter qualcuno ha cominciato a pensare che  Juventus è la squadra più aiutata dagli arbitri

JUVENTUS – BOLOGNA 2 – 1, IRRATI (FABBRI). VIII giornata.

Incredibile la punizione assegnata alla Juventus (41’) quando Rabiot ai limiti dell’area felsinea simula di aver subito fallo da parte di Mbaye. Rabiot era già ammonito. Al 53’ la Juventus passa in vantaggio sul Bologna con Pjanic ma la rete è viziata dal fallo dello stesso Pjanic su Mbaye. Lo juventino spinge l’avversario che sbatte sul compagno di squadra Orsolini ed il pallone resta nei pressi e giunge la rete juventina. Al 92’ Irrati e Fabbri ignorano il rigore per il mani di De Ligt. Su cross di Skov Olsen, De Ligt prende il pallone col gomito ed impedisce a Palacio di impossessarsi del pallone a pochi metri a Buffon. Irrati non va a rivedere l’episodio e non assegna il calcio di rigore al Bologna.

JUVENTUS – GENOA 2 – 1, GIUA (CALVARESE). X giornata.

Giua e calvarese stendono un gran Genoa. Al 37’ Rugani perde un pallone nella propria metà campo e stende Agudelo. Giua assegna il calcio di punizione al Genoa ma ammonisce soltanto Rugani. Agudelo non ha ostacoli davanti ed ha una chiara occasione da rete ma Giua non espelle Rugani. Calvarese al VAR non interviene.

  • Al 50’ compie un capolavoro Giua inventandosi l’espulsione di Cassata per doppia ammonizione. Cassata riceve il secondo cartellino giallo per un fantomatico fallo su Dybala. All’86’ Giua espelle Rabiot per il fallaccio su Gumus, ma un minuto dopo non espelle Bentacur, già ammonito, per un duro fallo su Schoene. Al 94’ Giua assegna un rigore alla Juventus quando Ronaldo dopo qualche momento d’incertezza si ricorda di un contrasto avuto poco prima con Sanabria.
  • Ma non è finita. Giua e Calvarese al 97’ si perdono Cuadrado che con una manata abbatte Gumus in area di rigore juventina.

TORINO – JUVENTUS 0 – 1, DOVERI (MARESCA). XI giornata.

All’11’ manca un doppio rigore al Torino nella stessa azione. Il mani di De Ligt è appena preceduto dal fallo di Bonucci su Belotti.

Al 63’ Ronaldo rifila un colpetto a Izzo e nemmeno stavolta succede nulla.

JUVENTUS – MILAN 1 – 0, MARESCA (MAZZOLENI). XII giornata.

Male Maresca sul piano disciplinare. Al 1′ è perdonato De Ligt per il duro intervento in tackle su Piatek. L’arbitro ritiene regolare l’intervento del bianconero e non l’ammonisce. Al 39’ è perdonato Matuidi per la trattenuta su Paquetà. Nel giro di 5 minuti (fra il 40’ e 45’) Maresca è inflessibile con Krunic e Bennacer, ma perdona Bernardeschi per fallo da dietro su Bennacer.

  • Al 50’ scansa l’ammonizione anche Matuidi che sbraccia con Bennacer, colpendolo anche al volto.
  •  56’ è ammonito Cuadrado e quando Bonucci protesta ripetutamente Maresca non lo ammonisce.
  •  73′ Pjanic, non è ammonito per fallo su Calhanoglu al limite dell’area di rigore. Pjanic scanserà l’ammonizione anche più tardi per fallo tattico su Bonaventura.
  • All’80’ non ammonito Alex Sandro per fallo su Bonaventura in ripartenza.
  • Nel finale giungono altri 3 cartellini gialli per il Milan. All’88′ è ammonito Theo Hernandez per fallo su Dybala. Al 90′ Maresca prende due piccioni con una fava; dapprima ammonisce Calhanoglu e poi anche Suso che con molta meno platealità di Bonucci aveva appena accennato ad una protesta.

La Juventus è la squadra più aiutata dagli arbitri in questa fase del campionato. Il Napoli deve ritrovarsi al più presto e invertire la rotta.

Riproduzione consentita con citazione della fonte: www.napolipiu.com