Serie A

Il Valencia furioso con Gasperini: “Sapeva di avere il covid e non ha fatto nulla, ha messo a rischio molta gente”

Il Valencia accusa Gasperini. La squadra spagnola furiosa con l’allenatore dell’Atalanta, reo di essere positivo al Covid e di non aver preso misure preventive.

Il Valencia furioso con Gasperini. Le parole dell’allenatore dell’Atalanta hanno fatto indignare il club spagnolo. Il Valencia, società eliminata dall’Atalanta in Champions e con 10 giocatori positivi dopo la sfida ha emesso un duro comunicato:
Siamo sorpresi dal fatto che Gasperini sia il giorno prima che il giorno della partita del 10 marzo a Mestalla era a conoscenza di avere sintomi presumibilmente compatibili con il coronavirus e non abbia preso misure preventive, mettendo a rischio, se quello fosse stato il caso, molte persone durante il suo viaggio e soggiorno a Valencia” .


Gasperini prima della sfida contro il Valencia avvertiva i sintomi del Coronavirus, ma ha taciuto. La sola positività dichiarata ufficialmente dall’Atalanta è stata quella di Sportiello, tornato negativo dopo oltre due mesi.
L’allenatore della Dea nell’intervista rilasciata alla Gazzetta dello sport ha ammesso pubblicamente di aver contratto il Covid-19:
Il pomeriggio della partita mi sentivo male. In panchina non avevo una bella faccia. Le due notti successive a Zingonia ho dormito poco. Non avevo la febbre, ma mi sentivo a pezzi come se l’avessi avuta a 40”.
Il Valencia, che dopo la partita con l’Atalanta di Gasperini,  ha avuto 10 giocatori e 15 dipendenti positivi, puntualizza:
Questa partita è stata tenuta a porte chiuse, circondata da misure rigorose, dall’obbligo delle autorità sanitarie spagnole di prevenire il rischio di contagio, proprio in presenza di persone provenienti da un’area a rischio.
Tornato da Valencia ero a pezzi, di notte sentivo le sirene e pensavo: non posso andarmene ora”. Poi l’ammissione: “Ho avuto il Covid-19”.

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.