TUTTE LE NOTIZIE SUL CALCIO NAPOLI

Gazzetta – Napoli ecco la stangata, maxi multa ‘su misura’ per Allan

De Laurentiis multa Napoli
Ultimo aggiornamento:

Gazzetta – Napoli ecco la stangata, maxi multa ‘su misura’ per Allan. Il Presidente Aurelio De Luarentiis non cambia idea e punta alla linea dura. 

Secondo quanto riferisce la Gazzetta dello Sport il presidente della SSC Napoli è pronto a far partire in giornata tutti gli avvisi ai calciatori. Nessun ripensamento o contrordine si va a avanti con lo scontro coi calciatori.

Multa Napoli

Napoli ecco la stangata, con De Laurentiis che torna da Los Angeles partirà anche la multa per i calciatori. Secondo quanto riferisce Gazzetta dello Sport ci sarà anche una multa specifica per Allan. Al brasiliano, protagonista di un pesante scambio di parole con Edo De Laurentiis, sarà chiesta una multa del 50% lordo sullo stipendio mensile di ottobre, che ammonta a 200 mila euro. Per gli altri giocatori sono previste pene fino al 25% dello stipendio mensile lordo. “La somma che verrà sottratta dalle buste paga dei giocatori si aggira intorno ai 2,5 milioni di euro. Il mediano brasiliano, -scrive la rosea – pagherà più di ogni altro le offese rivolte a Edo De Laurentiis, il vice presidente, nell’immediato partita con il Salisburgo quando il dirigente aveva provato a convincere i giocatori a rispettare l’ordine del padre che avrebbe voluto la squadra in ritiro”.

La strategia di Aurelio De Laurentiis

La stangata al Napoli partirà in giornata, ovvero nell’ultimo giorno utile dato che la SSC Napoli aveva 20 giorni di tempo (a partire dal 5 novembre) per inviare le contestazioni ai calciatori. La multa ad Allan sarà quella più salata, ma la strategia di De Laurentiis è più ampia. Secondo GdS si articolerà in due fasi: la prima riguarderà la richiesta di multa per violazione dell’accordo collettivo. La seconda prevede “un’azione legale che verrà avviata per giusta causa per tutto quanto riguarda la questione dei diritti d’immagine”. Insomma si decide di andare al muro contro muro, con una battaglia legale che potrebbe durare mesi.

Archivi