ULTIME NOTIZIE SULL'EMERGENZA CORONAVIRUS

Gattuso: “Vittoria di carattere, è una squadra forte ma quanta paura nel primo tempo”

gattuso intervista brescia napoli

Gennaro Gattuso ha parlato al termine della sfida vinta con il Brescia. Il tecnico fa i complimenti alla squadra, ma vuole più grinta e determinazione.

“Nel primo tempo abbiamo fatto troppo palleggio sterile, noi dobbiamo capire che non possiamo venire a fare passeggiate di salute” ha detto il tecnico ai microfoni di Sky.  Gennaro Gattuso ha rimproverato i suoi calciatori perché “in settimana vediamo le partite, ci prepariamo, poi facciamo degli errori. Ho visto dei giocatori che chiedevano spiegazioni e così non va bene, ma noi dobbiamo pensare solamente a fare i quaranta punti”. Lo stesso Gattuso, però, esalta i suoi calciatori per la reazione che hanno avuto nella ripresa: “Siamo stati bravi a ribaltarla, i ragazzi stanno dimostrando tantissimo impegno durante la settimana e meritano questi risultati”. Arrivare a quaranta punti è l’obiettivo immediato anche perchè nel “primo tempo ho avuto, tanta paura, perché ho visto una squadra che perdeva di grinta. Purtroppo – ha aggiunto – quando succedono queste cose poi non è facile riprenderla, se lo abbiamo fatto è perché abbiamo giocatori forti”.

Mancano gli inserimenti

Secondo il tecnico soprattutto durante la prima parte della partita il Napoli è stato troppo “piatto” mancavano gli inserimenti di Elmas e Fabian Ruiz, quando “Mertens veniva incontro dovevano essere più bravi ad inserirci”. Cosa che è stata fatta nel secondo tempo: “C’è stato più movimento senza palla è siamo riusciti a fare male al Brescia”. Il tecnico non ha voluto sentire parlare della sfida con il Barcellona e scherzando ha detto: “Fatemi stare tranquillo almeno mezza giornata, comincerò a pensarci da domani”. Il tecnico però ha ammesso che in occasioni di partite importanti come quella di Champions League non riesce a dormire: “Ho chiesto ad alcuni colleghi più anziani se loro dormono, perché io non ci riesco. Mi hanno detto che poi passa, a me non riesce a passare invece”.

Archivi