Rigore per il Perugia, Ospina fa il miracolo. Cortocircuito arbitro e Var

rigore perugia hysaj

Il rigore concesso al Perugia alla fine del primo tempo nella gara di Coppa Italia con il Napoli lascia più di un dubbio. Il tocco di Hysaj è involontario. 

Ospina para il rigore concesso al Perugia nella gara di Coppa Italia in corso allo stadio San Paolo di Napoli. Al minuto 46 l’arbitro Massimi concede un rigore alla squadra di Cosmi, dopo aver consultato per lungo tempo il Var. Il direttore di gara di Napoli-Perugia prima non concede il penalty al Perugia poi viene richiamato al monitor, a quel punto guarda l’immagine per diversi minuti e solo dopo l’ultimo check con la sala Var decide di concedere il rigore. Il rigore per Perugia è stato concesso per fallo di mano di Hysaj, ma il giocatore albanese non colpisce volontariamente la palla, non compie una giocata dato che la palla gli sbatte sul braccio dopo averla colpita col piede. Il movimento ad allargare il braccio di Hysaj è naturale perché si lancia in scivolata per cercare di bloccare il cross dell’avversario. Nonostante tutto l’arbitro ha deciso di concedere la massima punizione alla squadra umbra. Sul dischetto si è presentato Iemmello che ha trovato un super Ospina sulla sua strada.

Rigore Perugia, Iemmello sbaglia. Insigne è un cecchino

Pietro Iemmello ha sbagliato il rigore concesso al Perugia dall’arbitro Massimi. E’ stato invece un cecchino Lorenzo Insigne, che ha tramutato in gol i due rigori concessi dal direttore di gara di Napoli-Perugia. Il primo rigore per il Napoli è stato concesso per fallo su Lozano, mentre il secondo per fallo di mano sugli sviluppi di un calcio di punizione. In entrambi i casi si è presentato dal dischetto Lorenzo Insigne che ha spiazzato per due volte il portiere. Nel primo caso con un tiro sulla destra del portiere avversario, nel secondo caso con un tiro preciso sulla destra di Fulignati.