ULTIME NOTIZIE SU NAPOLI

Koulibaly: “Napoli pronto a restare, col Barça non siamo spacciati”

koulibaly intervista gazzetta dello sport
Ultimo aggiornamento:

Kalidou Koulibaly ha rilasciato una lunga intervista a Gazzetta dello Sport, il difensore del Napoli parla del suo futuro e della Champions Leauge.

Dopo un periodo di appannamento ad inizio stagione (complice anche la Coppa d’Africa) sta ritornando al meglio Koulibaly che è sicuramente tra i migliori difensori che ci sono in Europa. A 29 anni deve decidere se fare un grande salto di carriera e sposare il progetto di una delle big europee, oppure restare a Napoli per dare il contributo nella crescita della squadra. Di questo ed altri temi parla Koulibaly durante l’intervista a Gazzetta dello Sport.

Lei ha ricevuto una telefonata di Osimhen, che le ha chiesto se Napoli è una città razzista: cosa le ha detto?

È vero che mi ha chiamato. Abbiamo parlato del razzismo, gli ho detto che venendo a Napoli non avrà di questi problemi, sceglierà la città giusta. Anch’io ho provato l’amarezza dell’insulto razzista, ma mai a Napoli. L’ho tranquillizzato, gli ho detto che se dovesse venire, avrà la migliore scelta. Poi, il resto dovranno farlo i dirigenti“.

Un momento, quello dello scorso autunno, che è costato la panchina a Ancelotti: dispiaciuto?

Certo, ma l’arrivo di Gattuso ha portato una ventata di ottimismo, ha dato fiducia a tutti noi. Mi è dispiaciuto essermi fatto male proprio nel giorno del suo esordio in panchina. Con il nuovo allenatore, prima del lockdown, sono riuscito a giocare pochi minuti col Parma e la gara contro il Lecce, dove mi sono nuovamente infortunato. Si, ho dato poco, ma ora conto di recuperare il tempo perduto. Il lavoro fatto all’interno dello spogliatoio e quello sul campo, quotidianamente, lo si vede dai risultati che stiamo ottenendo, Coppa Italia compresa“.

Esageriamo se diciamo che Barcellona e Napoli hanno le stesse possibilità di accedere ai quarti di Champions? Potreste essere ricordati come la squadra che per la prima volta nella storia del club è riuscita a superare gli ottavi di finale.

No, nessuna esagerazione, perché noi dovremo provare a vincere. Conosciamo – dice Koulibaly a Gazzetta dello Sport – il loro valore, ma anche noi abbiamo giocatori di livello e possiamo competere. Poi, l’idea di poter fare qualcosa di unico rende ancora tutto più suggestivo. Al Camp Nou non andremo in gita, mi sento di garantirlo per tutti i compagni“.

Proprio alla Gazzetta, tempo fa, lei disse che il giorno in cui sarebbe andato via da Napoli avrebbe pianto: quelle lacrime le stiamo allontanando?

Nel calcio non si sa mai cosa succede. Non ho mai parlato con la società per andare via. Se dobbiamo trovare una soluzione la troveremo, ma io non ho mai parlato di mercato. Leggo anch’io sui giornali del mio futuro. Ma io voglio pensare soltanto a giocare, sono al 100 per cento del Napoli e mi dà fastidio essere accostato, ogni giorno, a questo o a quel club europeo. Vedremo cosa deciderà il presidente, se mi proporrà il prolungamento del contratto, cosa che, dunque, mi permetterebbe di concludere qui la carriera. Al momento, ho ancora tre anni di contratto: sono tanti, e non sto pensando a null’altro se non al Napoli“.

Se le dicesse: Napoli per sempre?

“Non direi di no. Ma non vorrei illudere nessuno. Si sa come vanno le cose nel calcio. Magari dici che resti a vita e poi vieni ceduto. Allora dico ai tifosi che io darò il 200-300 per cento fino a quando vestirò questa maglietta. Con la gente di Napoli ho un rapporto speciale, un sentimento puro“.

Archivi