ULTIME NOTIZIE SULL'EMERGENZA CORONAVIRUS

Gattuso: “Prestazione imbarazzante. Chiediamo scusa a tifosi e società”

gattuso squadra imbarazzante
Ultimo aggiornamento:

Parla Gattuso al termine della sfida Napoli-Fiorentina 0-2: “Prestazione imbarazzante, siamo stati inguardabili, chiediamo scusa“. 

 

Gattuso non vuole alibi e si prende le responsabilità dopo la sconfitta con la Fiorentina: “Così non si può continuare. Abbiamo già toccato il fondo, così non si può continuare“. Il tecnico dopo la sfida persa al San Paolo dice a Dazn: “In settimana vedo una squadra viva, ma oggi non ha funzionato praticamente nulla. Sicuramente la responsabilità è mia e del mio staff, ma ognuno deve prendersi le sue responsabilità. Non parlo male dei giocatori, ma dire che siamo una squadra malata che deve riprendersi, non si può andare avanti così“. Gattuso continua: “La squadra è stata imbarazzante, inguardabile. Sembrava quasi che ci fossimo messo la maglia addosso e fossimo andati a giocare, senza aver fatto nulla in settimana. La squadra – ha aggiunto – in questo momento sta facendo veramente grande fatica“.

Napoli-Fiorentina: interista Gattuso

Il tecnico del Napoli al termine della sconfitta con la Fiorentina è amareggiata e dice: “Abbiamo giocato anche peggio che con il Parma“. “C’è tanto da lavorare, pensavo fossimo avanti ed invece siamo andati davvero molto indietro, dobbiamo trovare delle nuove soluzioni” ha detto Gattuso. L’allenatore del Napoli rifiuta ogni alibi e spiega la mossa di mettere Luperto all’inizio dal primo minuto e non centrale di difesa: “Ho fatto giocare Luperto come terzino perché altrimenti dovevo cambiare tre ruoli“. Gattuso nell’intervista post partita ha aggiunto: “Dobbiamo cercare di capire cosa c’è che non va, parlare con i giocatori ed uscire da questo problema“. La quarta sconfitta per il Napoli ha fatto toccare veramente il fondo alla squadra partenopea, che sta generando pianto e disaffezione dei tifosi. Lo dimostra un San Paolo ancora molto vuoto. I tempi dell’entusiasmo e della passione sembrano oramai lontanissimi, mentre la zona retrocessione si avvicina sempre di più.

Archivi