Calcio Napoli e cultura Napoletana

Il mistero della morte di Ninco Nanco il Brigante. Gli eccidi dello stato post-unitario nel Sud.

Il mistero della morte di Ninco Nanco il Brigante: Fu colpito da 2 fucilate  dopo essere uscito inerme dal pagliaio incendiato. Il volto scomodo della Storia.

di Gigi Di Fiore il Mattino

Morte di Ninco Nanco

La fuga disperata si fermò nei dintorni di Avigliano, in un pagliaio di proprietà di un parente di Carciuso, Giovanni Lo russo Padula, che li tradì: «tra loro, c’è anche Giuseppe Nicola Summa detto Ninco Nanco» disse. Andarono a prenderlo. Erano ormai sicuri che, in quella pagliaia, si nascondevano solo 4 uomini. Si mossero due drappelli della guardia nazionale in divisa.
Tra loro, il capitano Benedetto Corbo cui bruciava non essere riuscito a prendere Ninco Nanco qualche giorno prima. Accerchiarono il nascondiglio.«Arrendetevi!» urlarono, senza ricevere risposta. Decisero di incendiare il pagliaio.

Fu colpito da 2 fucilate

Chi era dentro avrebbe fatto la fine dei topi, o sarebbe stato costretto a uscire. Il primo a venire fuori fu Carciuso. «Vogliamo la pace» disse. Poi, uscì Ninco Nanco con gli altri. Era inoffensivo, ma appena mise il naso fuori il pagliaio . Stramazzò a terra, senza un lamento. Ucciso a sangue freddo, quando si era ormai arreso.

Il mistero della morte di Ninco Nanco il  Brigante

Ogni giornale diffuse la sua ricostruzione

Ogni giornale diffuse la sua ricostruzione. Lo fece «Omnibus» il 15 marzo 1864: «Ninco Nanco ha terminato la sua triste carriera, non è più. Questa mattina fu ucciso con suo fratello dalla guardia nazionale di Avigliano. Furono presi vivi altri due briganti».

Fu «l ’Indipendente» di giovedì 24 marzo 1864, il primo a farsi qualche domanda su quella morte piena di incongruenze: «Non capisco poi come e perché venisse ucciso sul luogo e subito,mentre lo si poteva condurre vivo in paese come si fece per gli altri due».

La ricostruzione di Padula

Padula venne assalito dal rimorso per aver venduto il brigante raccontò : «Ninco Nanco si arrende e esce. È preso dai carabinieri ma, nel buio, parte un colpo dal fucile di una guardia nazionale e Ninco Nanco muore senza poter essere interrogato. Contemporaneamente prende fuoco la capanna così da far sparire ogni prova scritta di complicità».

CONSIGLIATI PER TE