napolipiu.com
Calcio Napoli e cultura Napoletana: Ecco il sito che parla la tua lingua

Sarri: “Obbiettivo societario raggiunto con la qualificazione matematica in Champions, ora voglio divertirmi!”

Sarri esalta il gruppo e il San Paolo e da domani si pensa alla Juve


Maurizio Sarri, ha commentato, ai microfoni di Sky Sport, la vittoria contro l’Udinese e l’avvicinamento alla sfida scudetto contro la Juve:

“L’obiettivo societario è raggiunto da una settimana, abbiamo raccolto una Champions a sei partite dalla fine. Da stasera siamo secondi matematicamente, da stasera ci possiamo divertire. Quello che dovevamo fare l’abbiamo fatto, adesso vogliamo divertirci. Questo è stato uno dei Napoli migliori della stagione, con la sola pecca che abbiamo concesso. Ci siamo complicati la partita, ma penso che i primi venti minuti di stasera sono stati tra i più belli.

Milik dal primo minuto contro la Juve?

“Noi siamo una squadra su cui viaggiano più luoghi comuni di tutte le altre, quando abbiamo avuto Milik abbiamo cambiato modulo spesso. Bisogna capire in che condizioni il ragazzo potrà essere tra 3-4 giorni”

Si aspettava di essere a -4 dalla Juve?

“Secondo me siete tutti malati, secondo voi io vado a letto pensando a quanto sarò distante dalla Juve. Io penso alla mia squadra, questa è la partita in cui volevamo tornare a vincere e dare la sensazione di essere più brillanti negli ultimi metri, l’unica cosa che era mancata nelle ultime partite, la sensazione è proprio che siamo stati più brillanti, magari concedendo troppo agli avversari. Io sono malato di calcio ma non di risultato, stasera posso andare a casa e riguardare la nostra partita tre volte per vedere quello che abbiamo sbagliato, ma non malato di antagonismo, risultati o ste storie, è una passione diversa la mia”

L’obiettivo raggiunto è un messaggio a De Laurentiis?

“Assolutamente no, è una constatazione visto che Aurelio ci ha fatto i premi per la Champions, vuol dire che voleva la Champions. Premio Scudetto? Per quanto mi riguarda no, per i giocatori non lo so sinceramente”

Sullo scontro diretto

“Io per stanotte mi volevo rilassare un attimo, vorrei cominciare a pensarci domattina. La nostra filosofia è quella, non abbiamo ne la struttura mentale ne quella fisica per fare partite attendiste, la nostra filosofia è quella di imporre il nostro gioco”

Sulla notizia arrivata del Crotone e la spinta del San Paolo

“Non lo so, il San Paolo ci dà sempre una mano, io sinceramente del risultato della Juventus ho chiesto dopo il boato del pubblico perchè non capivo perchè la gente stesse gridando. L’atteggiamento del nostro stadio è questo, e ci sta portando anche punti. Il San Paolo quest’anno lo sento in maniera particolare, e credo lo sentano anche i giocatori”.

CONSIGLIATI PER TE