Le statistiche di Napoli-Cagliari sono impressionanti

Secondo il sito specializzato Whoscored gli azzurri hanno dominato senza concretizzare la propria superiorità

Le statistiche di Napoli-Cagliari sono impressionanti

Le statistiche di Napoli-Cagliari sono impressionanti. Il sito specializzato Whoscored ha pubblicato i dati della gara persa dai partenopei al San Paolo.


Gli azzurri di Carlo Ancelotti hanno tirato ben 30 volte verso la porta difesa dall’ex romanista Olsen, contro le 5 dei Sardi.

Le statistiche di Napoli-Cagliari sono impressionanti

NAPOLI, MIGLIOR ATTACCO E PEGGIOR DIFESA

Secondo quanto emerge dalle statistiche di Napoli-Cagliari, gli azzurri sono la squadra con il miglior attacco della serie A, 13 reti realizzate,  ma ha anche una delle peggiori difese, nonostante la coppia Koulibaly-Manolas. Gli uomini di Maran hanno messo in evidenza i limiti difensivi del Napoli, nell’unica azione degna di nota concretizzata da Castro.

ALLARME PER ANCELOTTI

La squadra messa in campo da Carlo Ancelotti, secondo le statistiche di Napoli-Cagliari, nel corso del primo tempo non è stata in grado di creare occasioni nitide, solo Insigne è riuscito a impegnare Olsen dall’interno dell’area nei primi 45′ di gioco.

Nel secondo tempo, il Napoli ha aumentato la pressione bloccando il Cagliari nella propria metà campo, e le occasioni da goal sono aumentate. Ancelotti ha inserito Llorente e Milik per offrire nuovi sbocchi alla manovra d’attacco, ma poi sono subentrate ansia e frenesia, nemiche della razionalità calcistica – e non solo calcistica. Alla fine, è giusto dire che il Napoli ha dominato la partita, ma non è riuscito a concretizzare la sua superiorità.


IL NAPOLI PERDE PUNTI E CERTEZZE

Lo 0-1 premia eccessivamente il Cagliari, certo, ma soprattutto toglie al Napoli alcune delle certezze costruite in questo avvio di stagione, oltre a tre punti che pesano già tanto nel distacco da Juventus (4 lunghezze) e Inter (6 lunghezze).

 

false
Leggi Anche
Napoli, Lozano rompe il silenzio stampa
Napoli, Lozano rompe il silenzio stampa: “Per lasciare un’impronta è necessario toccare il terreno…”