Elezioni, come votare a Napoli per Europee e Comunali. I dettagli

Elezioni, come votare a Napoli per Europee e Comunali. Urne aperte fino alle 23. I dati aggiornati delle affluenze nel napoletano per le amministrative

[better-ads type=”banner” banner=”108237″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”center” show-caption=”1″][/better-ads]

Elezioni, come votare a Napoli per Europee e Comunali. Si voterà fino alle 23 di oggi. Urne aperte anche nel napoletano, come nel resto d’Italia dalle 7 alle 23 quando, subito dopo, inizierà lo spoglio elettorale. Sarà una competizione importante soprattutto per i 20 comuni della provincia  che sono chiamati al voto per il rinnovo dell’amministrazione comunale.  Tra i comuni al voto nel napoletano, Casoria è il più popoloso con circa 77000 abitanti. Liveri chiude la classifica con circa 1600 abitanti.

Elezioni, come votare a Napoli

Elezioni Europee 2019: la guida completa al voto. Oggi, 26 maggio 2019, dalle ore 7 alle ore 23, si vota in Italia per le Elezioni Europee. Recandosi al seggio, gli elettori al Sud ed in Campania riceveranno una scheda di colore arancione, quella per la circoscrizione Italia Meridionale.

 Europee 2019: la guida completa al voto

Il voto di lista si esprime tracciando sulla scheda, con la matita copiativa che vi verrà consegnata al seggio, un segno X sul contrassegno corrispondente alla lista prescelta.

E’ possibile (non obbligatorio) esprimere da uno a tre voti di preferenza per candidati compresi nella lista votata. Nel caso di più preferenze espresse, queste devono riguardare candidati di sesso diverso, pena l’annullamento della seconda e della terza preferenza.

Le preferenze si esprimono scrivendo, nelle apposite righe tracciate a fianco del contrassegno della lista votata, il nome e cognome o solo il cognome dei candidati preferiti compresi nella lista medesima; in caso di identità di cognome fra più candidati, si deve scrivere sempre il nome e il cognome e, se occorre, la data e il luogo di nascita.

Le elezioni comunali: si vota in 20 comuni nel napoletano

Per le Elezioni Amministrative 2019, si vota in 20 comuni nel napoletano fino alle 23. Gli eventuali turni di ballottaggio si svolgeranno domenica 9 giugno. Spoglio al via dalle 14 di lunedì. Oltre che per le Europee, dalle 7 alle 23 di oggi si vota anche per le Elezioni Comunali in provincia di Napoli.

Sono 20 i comuni nel napoletano che eleggeranno il nuovo sindaco ed il nuovo consiglio comunale. A scegliere i nuovi rappresentanti istituzionali sono: Anacapri, Bacoli, Capri, Carbonara di Nola, Casamicciola Terme, Casavatore, Casola di Napoli, Casoria, Comiziano, Crispano, Grumo Nevano, Liveri, Meta, Nola, Roccarainola, Sant’Anastasia, Sant’Antonio Abate, Santa Maria la Carità, Striano, Trecase.

Lo spoglio avrà inizio lunedì 27 maggio alle ore 14,00. Gli eventuali turni di ballottaggio si svolgeranno domenica 9 giugno, dalle 7 alle 23.

il voto amministrativo con aggiornamenti in tempo reale.

La diretta delle 12 sul voto amministrativo

Dopo le 12 i primi dati sull‘affluenza alle urne.

Primi dati sull’affluenza alle ore 12: Anacapri (15,05%), Capri (20,94%), Carbonara di Nola (30,68%), Casola (27,69%), Crispano (18,93%), Grumo Nevano (18,69%), Liveri (19,57%), Nola (22,27%), Roccarainola (20,89%), Sant’Anastasia (15,67%).

Altri dati sull’affluenza: Bacoli (18,34%), Casamicciola Terme (19,78%), Casavatore (15,50%), Comiziano (28,92%), Sant’Antonio Abate (25,33%).

Tra i 20 comuni al voto nel napoletano, Casoria è il più popoloso con circa 77000 abitanti. Liveri chiude la classifica con circa 1600 abitanti.

Cosa serve per votare

Per votare occorre esibire la tessera elettorale e un documento di riconoscimento, anche scaduto.

In particolare, sono validi ai fini del riconoscimento:

• Carta d’identità;

• Patente di guida;

• Altro documento d’identificazione rilasciato dalla pubblica Amministrazione, purchè munito di fotografia;

In assenza di altri documenti di identificazione validi ai fini dell’esercizio del diritto di voto

• l’identificazione può avvenire per attestazione di uno dei componenti del seggio che conosca personalmente l’elettore;

• se nessuno dei componenti del seggio è in grado di accertare l’identità dell’elettore, l’identificazione può avvenire per attestazione di un altro elettore del comune personalmente conosciuto da uno dei componenti del seggio o che sia stato ammesso a votare in base a un regolare documento di identificazione rilasciato da una pubblica Amministrazione.