Il Napoli voleva Politano del Sassuolo. Ma… Marotta ha detto di no!

Dopo Verdi, salta pure la trattativa per portare in azzurro l'esterno del Sassuolo Politano. Il veto alla cessione è arrivato da... Marotta

Beh è proprio così. Beppe Marotta ha detto che Politano non si deve muovere dal Sassuolo. Perchè al Sassuolo serve quel calciatore per questa seconda parte di stagione. Non ci troverei nulla di male, qualora il presidente dei neroverdi, Giorgio Squinzi, avesse ingaggiato Marotta come direttore generale del suo club. Ma non mi risulta. Beppe Marotta è ancora sul libro paga degli Agnelli. Quindi un dirigente della Juve ha detto che Politano non si deve muovere dal Sassuolo. E quindi… Politano non arriverà a Napoli.

Oddio non è che Politano, da solo, avesse risolto le poche lacune presenti nella rosa del Napoli, anche se a me piace molto. Ma poteva dare una mano a Sarri in determinate partite. Ma il punto non è questo. Il punto è che un dirigente della Juve ha deciso, sotto certi aspetti, il mercato del Sassuolo. E’ una lotta al potere, c’è poco da fare. Quando sui social si grida alla ‘conquista del palazzo’, il senso è questo. Arrivare a capo di tutto. Nonostante TUTTO. Il Napoli è chiamato a compiere un’autentica impresa. Ancor più favolosa rispetto a quella del Leicester.

Perchè una lotta continua al sistema. Un sistema che sà troppo di m…arrone (giusto per chiamarla con un colore). Un sistema radicato da decenni e decenni, dove nessuno ha potuto contrastare quel potere. Ci sono stati anni dove questo somigliava ad una torta, e intorno ad un tavolo si sono divise le fette. Ma il potere era e sarà sempre là. Il Napoli per portare a casa la gloria, quella di un certo livello, ha dovuto fare appello al più forte al mondo. Oggi il fenomeno gode di una maggior organizzazione. Oggi il potere te lo spiaccicano in faccia e alla luce del sole.

Basterebbe fossilizzarsi un tantino sul vortice mediatico che, grazie anche ai social, oggi è molto più evidente. Il trattamento riservato all’uno e all’altro. A come sono ammorbidite certe notizie, o a come vengono irrigidite le stesse. Stesso schemino, stesso tono, stessa usanza, con un’unica variabile: il club in questione. Ed ecco che vedi un Cruciani che gli si vien dato diritto di parola, con tutte le vongole che tira giù, senza che nessuno prende le distanze. O un dirigente di una squadra che, a precisa domanda, dice cosa (non) deve fare il Sassuolo. E dall’altro lato senti dire “Marotta non ha detto nulla di male”, quando invece ci poteva stare un invito a farsi i cavoli propri.

Insomma alla fine Politano non verrà, ma che forse non sarebbe venuto a prescindere (dico forse, perchè il calciatore a quanto pare, spingeva per una cessione al Napoli), ma il tutto è passato attraverso le parole del dirigente di un club diverso da quello della squadra interessata, e la cosa, quantomeno fa uno strano effetto. Ma a quanto pare nessuno è parso scandalizzato. Il tutto è passato attraverso il silenzio generale. Vabbè, che dire, saremo noi gli ossessionati…

 

CONSIGLIATI PER TE