Lo sapevi che Nerone squalificò l’anfiteatro di Pompei a causa di una rissa tra Nocerini e Pompeani

Nerone chiuse l’anfiteatro di Pompei a causa di una rissa tra Nocerini e Pompeani. Il diverbio ebbe origine  da una futile causa in occasione dei giochi dei gladiatori.

Di: Francesco Pollasto

Nerone chiuse l’anfiteatro di Pompei, dove lottavano i gladiatori, ma chi erano veramente? e in cosa consistevano i ludi gladiatori?

Cicerone racconta così i gladiatori: «Non c’erano lezioni di coraggio di fronte al dolore e alla morte migliore di quelle, date realmente per gli occhi e non soltanto alle orecchie con le parole della retorica. condannati che non lottavano per compiacere un padrone ma per sfuggire alla morte». (Tusculanae disputationes, 2, 17, 41)


Carlo III fece conoscere all’Europa le bellezze di Pompei ed Ercolano con un’idea geniale…


All’inizio, infatti, fu un tributo alla morte, e alla morte non si può offrire null’altro che una vita. I ludi gladiatori, almeno al principio, non furono un crudele e disumano spettacolo di sangue per divertire il popolo, bensì riti funerari che si svolgevano durante i giorni di festa in cui si interrompevano le attività profane e il tempo storico per incontrare il tempo mitico.

A Roma, i primi gladiatori si chiamavano “gli uomini del rogo funebre”, e a Pompei ci fu una fiorente scuola. E lo spectacula – così era detto l’anfiteatro – che li ricevette davanti al loro pubblico, fu grandioso. La dimensione era tale da poter alloggiare il doppio dei cittadini residenti: contava ventimila posti, e la metà era riservata agli ospiti che accorrevano dalla provincia limitrofa.

L’anfiteatro pompeiano fu uno dei primi in muratura, lo fecero costruire a proprie spese i magistrati Marco Porcio e Caio Quinzio Valgo.

Nerone squalificò l'anfiteatro di Pompei a causa di una rissa tra Nocerini e Pompeani. Ludi Gladiatori
Ludi Gladiatori

Lo sapevi che Grazie a Nerone esiste la chiesa di Piedigrotta


Nel 59 d.c. ci fu una memorabile una rissa tra Nocerini e Pompeani

Spesso lo spettacolo cruento accendeva gli animi, e nel 59 d.C. l’arena di Pompei fu teatro di una zuffa memorabile tra tifoserie che – al momento del verdetto – rispolverarono antichi rancori, come ricordano un affresco rinvenuto nella casa della Rissa nell’anfiteatro dei Dioscuri e Tacito:
“In quell’epoca si ebbe un massacro tra Nocerini e Pompeiani, originato da una futile causa in occasione dei ludi gladiatori banditi da Livineio Regolo […] Dapprima si scambiarono insulti e volgarità con l’insolenza propria dei provinciali, poi passarono alle sassate e alla fine ricorsero alle armi. I tifosi di Pompei, più numerosi dato che lo spettacolo si svolgeva a casa loro, ebbero la meglio. Molti uomini di Nocera furono riportati a casa feriti e mutilati, e non pochi piansero la morte di un figlio o di un genitore”. (Annali, XIV, 17)

La vicenda è ricordata, non senza amarezza, anche da un graffito: «O Campani, siete morti insieme ai Nocerini in quella vittoria». Dopo gli incidenti, su richiesta dell’imperatore Nerone l’anfiteatro fu “squalificato” dal Senato per dieci anni, ma successivamente la pena fu ridotta a due.

Fonte: Agnese Palumbo e Maurizio Ponticiello Napoli in 501 luoghi

Potrebbe piacerti anche Altri di autore