Calcio Napoli e cultura Napoletana

SFIDA MERCATO Da Tolisso a Conti l’altra Napoli-Juve

Da Tolisso a Conti l’altra Napoli-Juve. Il centrocampista del Lione disse no a Sarri, ma ora…Bianconeri in pole per il portiere Meret E i due club stanno seguendo da tempo Dolberg dell’Ajax.

lo scrive il corr sport

C’è un’altra Napoli-Juve, una sfida che non si gioca in campo (e neppure dialetticamente, a distanza) ma sul quel tavolo da Risiko che è il mercato globalizzato. Che le strategie delle big possano convergere sugli stessi obiettivi è altamente probabile, non ci sono dubbi; che alle italiane capiti con una certa frequenza, è un dato di fatto; che si faccia in qualche modo il gioco di chi vende, è assodato. Prima ancora dell’affare Higuain, in questo decennio Napoli e Juve si sono spesso pestate i piedi.

Nell’estate 2011, ad esempio, erano entrambe sulle tracce di Gökhan Inler e Arturo Vidal: alla fine lo svizzero fu azzurro e il cileno bianconero. Un anno dopo, De Laurentiis e Agnelli si sfidarono per Marco Verratti: il Napoli lo aveva praticamente preso dal Pescara in comproprietà, ma sapere che l’allenatore di allora non lo avrebbe schierato titolare fece suonare un campanello d’allarme; la Juve a quel punto aveva via libera e avrebbe anche concluso l’operazione se il Psg non avesse fatto saltare il banco. E ora, cosa accadrà nella rovente estate 2017?

INTRIGO TOLISSO. Il primo pomo della discordia è Corentin Tolisso, classe 1994, centrocampista del Lione (che ha sfidato la Juve nel girone di Champions ed eliminato la Roma dall’Europa League) e dell’Under 21 francese. Un anno fa il ragazzo disse di no al trasferimento al Napoli, preferendo proseguire un percorso di maturazione: sul piatto il club azzurro aveva messo 30 milioni. E’ la cifra proposta in queste settimane dalla Juve, con l’aggiunta di bonus che, per ora, non hanno ancora fatto vacillare il vulcanico presidente Aulas. Ma i bianconeri sono fiduciosi: contano sulla volontà del giocatore – certe sue ultime dichiarazioni sono un segnale chiarissimo – e pure sulla possibilità di spingersi più in là rispetto all’offerta iniziale. In quel reparto, entrambe hanno altre operazioni in ballo: se la Juve è tornata su Verratti, il Napoli già da un anno è sulle tracce di Klaassen, olandese dell’Ajax che ora ingolosisce anche la Lazio.

SPINTA CONTI. Poi ci si sposta sulla fascia destra, guardando in casa Atalanta dove tutte le big stanno facendo la spesa con conti anche piuttosto salati. Andrea Conti, diventato titolare a metà della passata stagione, quella del debutto in A, e punto fermo dell’Under 21 di Gigi Di Biagio, ha una valutazione assai interessante, anche se l’attuale contratto, scadenza 2021, consente all’Atalanta di tenere su il prezzo.

Il Napoli lo segue da tempo, ha anche un canale preferenziale con l’entourage del giocatore. E la Juve? Lo monitora, come sempre fa con i migliori giovani in circolazione. Il laterale destro può anche non essere la priorità: in quel ruolo è stato prolungato il contratto di Lichtsteiner, anche ipotizzando l’uscita di Dani Alves a fine stagione; e c’è già il nome del futuro, quel Pol Lirola che a Sassuolo è andato a sostituire Vrsaljko e che a giugno rientrerà alla base.

LE MANI DI MERET. Il baby portiere svezzato dall’Udinese, che sta facendo molto bene in B con la Spal, è valutato cinque milioni di euro ed è da considerare effettivamente a un passo dalla Juve. Però è un nome che intriga anche il Napoli.

GOL OLANDESI. In attacco il discorso è di prospettiva, può essere il duello del futuro. Napoli e Juve hanno entrambe fatto seguire in questi mesi il nuovo gioiello dell’Ajax: si chiama Kasper Dolberg, è del ‘97, danese, numeri impressionanti (13 gol in 25 gare di campionato) e una valutazione che può facilmente moltiplicare per 100 l’investimento iniziale: il ragazzo fu comprato per 270 mila euro, ora può essere, anche in ter

CONSIGLIATI PER TE