Schwoch: “Il Napoli ha un gioco che nemmeno la Juve può vantare…”

L’ex bomber azzurro, parla a Radio Marte. Lunga intervista dove Stefan Schwoch tratta diversi punti. Da Insigne a Quagliarella, passando per Pavoletti

Nel corso di Marte Sport Live, l’ex bomber azzurro Stefan Schwoch, rilascia alcune importanti dichiarazioni. Ecco quanto evidenziato:

“In Serie A non esistono partite semplici. Il pareggio contro il Palermo lo dimostra. Il Napoli ha dominato, ma alla fine non ha vinto. Pavoletti mi piace. Ha una voglia di far bene dimostrata ogni volta che è stato impiegato. E’ un pò di ritardo di condizione, e non è facile integrarsi sin da subito negli schemi di Sarri. Ma tornerà utile. Per gli attaccanti, il gioco di Sarri è manna dal cielo. Higuain prima, e Mertens oggi, non avevano mai fatto registrare questi numeri nella loro carriera. Ma l’allenatore è giusto che faccia le sue scelte, d’altra parte il Napoli ha un gioco che nemmeno la Juventus può vantare. Insigne? Calciatore che sposta gli equilibri. E’ partito un pò a rilento, ma era anche reduce dall’Europeo. Adesso si sta riprendendo alla grande. La mia espeienza napoletana? Indimenticabile. Mi ero integrato molto bene, andar via da Napoli per me è stata dura e mi è dispiaciuto tantissimo. Capisco pure Fabio Quagliarella, lui del Napoli ne era anche tifoso. Ma vedete, a volte ci sono motivi che noi magari non sappiamo, ma che col calcio non centrano nulla, che spinge un calciatore a fare determinate scelte. La storia di Quagliarella lo insegna.”

Potrebbe piacerti anche