napolipiu.com
Calcio Napoli e cultura Napoletana: Ecco il sito che parla la tua lingua

Sarri: “Dispiace non aver fatto felice un pubblico cosi straordinario. Futuro? Penso solo alle prossime due partite!”

Maurizio Sarri ha commentato il pareggio contro il Torino ai microfoni di Sky Sport:

“C’è la grandezza di questo popolo, nessun giocatore o allenatore può volere qualcosa più di questo. Pubblico stupendo, per una partita che aveva poco da dire a livello di materiale di classifica, che ti fa festa in una settimana in cui avevi perso le speranze, ti dice tutto su un popolo”

Sul grande campionato fatto

“C’è grande dispiacere per non aver fatto contento un pubblico cosi straordinario, poi bisogna essere lucidi nelle analisi e competizioni, il Napoli sotto certi punti di vista il Napoli non è attrezzato per competere con la Juventus, quindi ha fatto un campionato di livello straordinario. Abbiamo fatto anche un campionato sfortunato, nel giro di pochi minuti siamo passati dal poter essere sopr a all’essere a -4. Poi il doppio infortunio di Milik ed il doppio infortunio di Ghoulam, per rose ristrette come la nostra, sono dei danni enormi. Se devo essere lucido e partire da una base per noi ideale, bisogna essere contenti per quanto fatto da questa squadra.”

Sul futuro

“Dobbiamo fare due grandi partite, non dobbiamo considerare il nostro campionato finito, dobbiamo cercare di infrangere la barriera dei 90 punti. Poi avremo dieci giorni per valutare la situazione, c’è un contratto in essere che prevede una clausola di otto mln ma c’è anche un’uscita per il Napoli con una clausola molto inferiore. Il presidente è la persona che mi ha fatto allenare il Napoli, che è la mia squadra del cuore da bambino, il sogno di una vita, e mi ha fatto vivere quello che abbiamo vissuto oggi. Io so di aver dato tutto, se non è contento mi dispiace. Aurelio ogni tanto queste esternazioni e vanno prese per quelle che sono, dopo mezz’ora torna quello di prima. Io ho un carattere particolare, mi inferocisco più su queste partite che su quelle tipo contro il Real Madrid”

Giorni di riflessioni per il futuro?

“Io ci tengo molto alle prossime due partite, se poi il ciclo è finito lo decide la società, se è impossibilitata a tenere sei-sette di questi giocatori allora il ciclo è finito. Questo è un gruppo di giocatore che ha cultura del lavoro, che è pronto a mettersi in discussione. Senza i due infortuni pesanti qualcosina in più si poteva dare, ma poteva dare qualcosa in più anche qualcuno che poteva riposare in certe situazione. Se le energie nervose finiscono poi le gambe non rispondono bene”

In cosa sento che la Juve è stata più brava?

“Non ha mai dato la sensazione di avere momenti di flessioni importanti, senza poter contare su flessioni da parte loro diventa dura”

CONSIGLIATI PER TE