Ritrovata la poesia inedita di Totò: ‘O matrimonio

Ritrovata la poesia inedita di Totò: ‘O matrimonio . Ultima poesia del principe ritrovata. La poesia esposta alla mostra Totò Genio.

Di: Francesco Pollasto

Ritrovata la poesia inedita di Totò

Napoli Ritrovata la poesia inedita di Totò. Il fatto in se non ci sorprende, il principe ci ha da sempre abituati a sorprese e colpi di scena.

La poesia si intitola: ‘O matrimonio. Ed è l’ultima, in ordine cronologico, opera  sconosciuta del grande Totò.

Una poesia autobiografica secondo gli esperti, in quanto parla di un uomo “anziano” con problemi di vista che incalzato al matrimonio dalla madre esprime tutta la sua riluttanza al sacro vincolo, paragonando una moglie ad una persona estranea…

 

piazza Garibaldi a Totò. La proposta farà piacere ai moltissimi Napoletani

‘O matrimonio

M ò songhe n’ommo
anziane:
stonghe ‘nzurdenno ‘e
recchie
e ‘a vista s’alluntana!
Ero ‘nu schiavuttiello:
mo songhe fumo ‘e Londra!
Zumpavo ‘a campaniello
e mò tutto me và contro.
S’allasca la memoria. . .
me scordo tutte cosa:
me faccio ‘o promemoria
si voglio fà quaccosa !
Mammà mi disse: «Sposati,
ormaie tiene ll’età!»
E m’abboffano ‘e chiacchiere
assieme ‘cu papà;
ma io songhe cuntrario,
nun me voglio ‘nzurà!
‘J tengo tanta esempie,
pecche m’aggià ‘nguaià?
M’aggia spusà ‘na femmena
ca nun saccio chi è …
M’aggià ‘ngullà n’estranea. ..
Chi m”o fa fà e pecchè?
Sapimmo ‘o matrimonio ch’effetto
me pò fà?
E si caccio nu vizio
‘a chi ‘o vaco ‘a cuntà?
Può essere maniaca sessuale
e in una notte tragica
me pò fa pure ‘a pella. ..
‘A chi vaco ‘a rerorrere?
‘O conto ‘a don Guanella?
‘J ‘a notte sò sensibile,
me pozzo scetà ‘e botto …
me veco chesta estranea
‘ca se fà sotto sotto!
Mettiamo un giorno a tavola
pranzanno, st’assassina,
me mette ‘e barbiturice
dint”o bicchiere ‘e vino …

Lo sai perché Totò era soprannominato ò spione?

Potrebbe piacerti anche