napolipiu.com
Calcio Napoli e cultura Napoletana: Ecco il sito che parla la tua lingua

Nel 2017 una grande mostra su Pompei all’Ermitage di San Pietroburgo

Una grande mostra su Pompei  all’Ermitage di San Pietroburgo. Nasce un accordo tra i direttori dei musei napoletani e quelli del museo Russo.

Di: Antonio Ferrara giornalista di Repubblica

Una mostra che mette insieme le opere esposte e quelle custodite nei depositi del Museo archeologico nazionale di Napoli e i reperti conservati a Pompei, e che rappresenta il primo, concreto risultato del protocollo d’intesa firmato ieri a San Pietroburgo tra il direttore della Soprintendenza Pompei, Massimo Osanna, quello del Museo archeologico nazionale di Napoli, Paolo Giulierini, e il direttore del Museo statale Ermitage, Michail Piotrovskij.

L’accordo di collaborazione tra la Soprintendenza Pompei, il Museo archeologico nazionale di Napoli e l’Ermitage durerà 4 anni e si propone di allargare i rapporti culturali e scientifici per la preparazione e la realizzazione di un programma di collaborazioni culturali e scientifici tra i tre istituti museali.

 I due direttori campani e il titolare del museo russo lavoreranno anche allo studio e al confronto sulle nuove forme di approccio e di diffusione della conoscenza, anche attraverso l’interdisciplinarità delle arti, dei patrimoni archeologici e delle eredità storico-artistiche.

L’Ermitage è uno dei più grandi e antichi musei del mondo, con oltre 3 milioni di opere d’arte che vanno dall’archeologia all’arte contemporanea: l’arte italiana e le antiche civiltà hanno da sempre rivestito nel museo sanpietroburghese un ruolo di grande rilievo, a partire dall’attività collezionistica di Caterina II. Tra i progetti di lavoro comune: il ruolo di Pompei; l’opera di Anotnio Canova; la produzione orafa di Sciti e Romani; le relazioni artistiche tra civiltà romana, greca, Magna Grecia e Italia antica; il paesaggio napoletano nei pittori russi e italiani; i legami storici tra le città di San Pietroburgo e Napoli e le relazioni culturali sviluppatesi tra la Russia degli Zar e la Corte borbonica. Ogni anno i direttori si vedranno per aggiornare il programma di lavoro.

 

CONSIGLIATI PER TE