Calcio Napoli e cultura Napoletana

Napoli-Juventus 1-1: il muro azzurro, anzi bianconero

Napoli – Juventus: i colori. Un orrore cromatico che crea imbarazzo. Napoli in bianco, Juventus in azzurro scuro. Schiavo di scaramanzie e di merchandising questo calcio rischia di perdere sempre più appeal.

Napoli – Juventus: orrore media. Da Nord a Sud quello che hanno combinato politici, cronisti e tifosi è stato sconcertante.
Napoli – Juventus: il match. Il panzer Sami Khedira gela il San Paolo con un gol bellissimo dopo 400 secondi. Pjanic grande attore non protagonista nell’unico gol del primo tempo. Palla al bacio per il tedesco.


La Juve comanda poi si ferma, e mette un vetro davanti alla porta di Buffon. Il Napoli crea 6-7 palle gol ma niente da fare. Per 30 minuti gran sofferenza della difesa azzurra, ehm, bianconera.
Napoli – Juventus: Gonzalo Higuaín. Scortato e fischiato. Fischiatissimo. Gioca con gran personalità in un contesto non semplice.
In una gara difensiva della sua squadra fa di tutto per farla salire. Ci riesce ma non trova mai la porta. Come accadde con Cavani non condividerò mai gli assordanti fischi e le scenette ridicole degli ultimi giorni. Ma tutto ciò fa parte del gioco e capita un po’ ovunque.


C’è un secondo tempo e che tempo. Meno di 400 secondi ed Hamsik fa alzare i decibel del San Paolo. Giusto dopo un’ora, inserimento perfetto (quelli che mancavano nella prima fase) ed ennesimo gol alla Juventus. Mertens come Pjanic, grande attore non protagonista nell’azione della rete dei bianchi, ehm azzurri. Palla al bacio per lo slovacco.


Khedira e Hamsik, gol dei centrocampisti. Il Napoli ci prova, corre, triangola e graffia ma non punge la zebra. Un gol a testa e termina pari il primo round della doppia sfida a Napoli.
Mercoledì il Napoli dovrà farne 2 e subirne zero per passare il turno in coppa Italia. Magari sfruttando Milik. Il campionato invece dice: Juve a +10 sul Napoli. Stasera non sembrava ma da qualche anno a questa parte lo scarto è sempre questo.

Per ridurre il gap ci vuole altro, ben altro. Sarri o chi per lui dovranno concentrarsi ancor di più sulla fase difensiva. Le reti subite sono sempre troppe.
La fase difensiva è la vera forza della Juventus da 6anni.

Di GIUSEPPE LIBERTINO

CONSIGLIATI PER TE