Calcio Napoli e cultura Napoletana

Insigne: “Se un giorno qualcuno vorrà infrangere il mio sogno di vincere con il Napoli ci rimarrò male”

Se un giorno qualcuno vorrà infrangere il mio sogno di vincere con il Napoli ci rimarrò male. Lorenzo Insigne vuole fortemente il Napoli ma l’ostacolo si chiama De Laurentiis.

virgolettato a cura del  corriere dello  sport

ROMA – Lorenzo Insigne vuole restare al Napoli ma allo stesso tempo manda un messaggio al presidente Aurelio De Laurentiis:

«Al presidente ho detto abbastanza, ho fatto quello che dovevo fare e con la mia coscienza sto a posto. Se vuole proseguire questo matrimonio tocca a lui altrimenti ognuno va per la sua strada. I matrimoni si fanno in due.

Da questa estate ci siamo incontrati e il primo incontro non è andato benissimo ma io dal primo giorno ho lavorato ma poi per il contratto ci sono gli agenti e vedremo. Io ho dato la mia disponibilità e spero che il presidente accolga i miei messaggi. Rispetto all’estate ho fatto passi indietro da un punto di vista economico perché gioco per la mia città.

Ci sono state offerte da altre società al tempo delle giovanili perché con mio padre non avevamo nulla ma non ho sentito la necessità di andare via. Poi se il sogno si infrangerà non dipenderà solo da me.

Il mio sogno era quello di giocare in Serie A con la maglia del Napoli e vincere qualcosa di importante.

Continuerò a farmi “ammazzare” per il Napoli poi se un giorno qualcuno vorrà infrangere il mio sogno di vincere ci rimarrò male ma poi bisognerà andare avanti.

Fiducioso? Sto aspettando loro, ora penso alla Nazionale ma se loro mi vogliono incontrare darò sempre la massima disponibilità».

«KOULIBALY HA RINNOVATO CON IL NAPOLI»

SARRI E LA CRESCITA PERSONALE 

«Talento? Il merito è della squadra e dei compagni ma soprattutto del mister (Sarri, ndr) che mi ha dato fisucia, Io cerco di dare il massimo. È un grande allenatore e mi sta dando tanto. Esprimiamo un bellissimo calcio, siamo giovani e cerchiamo di mettere in atto quello che ci chiede. Con Zeman ero giovane, molto giovane, poi sono cresciuto con Rafa Benitez, ha dato tanto al mio percorso di crescita e con lui ho curato anche la fase difensiva. Spero di fare ancora tanto.

Cosa è rimasto dello scugnizzo? Non è cambiato tanto, faccio le solite cose, ma più riservato perché sto negli occhi della gente. Io mi faccio voler bene da tutti. Se è difficile girare per le strade? Per noi a Napoli, non solo per me ma anche per i miei compagni, l’affetto è grande. I tifosi ci amano.

RAPPORTO CON NAPOLI

Il rapporto con Napoli? Con la città è bellissimo. Negli scorsi anni mi chiedevano qualcosa in più ma in questo periodo mi stanno apprezzando tanto. Io do il massimo per questa maglia. La mia famiglia? Sono contento che mi siano vicini.

I miei genitori mi hanno dato tanto perché abbiamo avuto tante difficoltà. Non mi hanno fatto mai mancare nulla, facendo sacrifici. Io ho anche lavorato per dare una mano e andavo e poi andavo agli allenamento del settore giovanile del Napoli.

Il mio sogno si è coronato. Ringrazio anche mia moglie che mi sopporta, soprattutto all’inizio del campionato che mi sentivo giù e miei figli per il loro sorriso».

ULTIME NOTIZIE NAPOLI

GIOCARE  ALLE 12.30 – Chiosa finale sul campionato alle 12.30: «Giocare alle 12.30? Finché ci dicono di giocare noi facciamo i professionisti. Se dobbiamo giocare all’ora di pranzo lo facciamo. Non importa».

CONSIGLIATI PER TE