napolipiu.com
Calcio Napoli e cultura Napoletana: Ecco il sito che parla la tua lingua

Holly e Benji 31 anni fa veniva trasmesso per la prima volta in Italia e cambiò il modo di vedere il calcio.

Holly e Benji 31 anni fa veniva trasmesso per la prima volta in Italia. Il cartone cult per i bambini degli anni 80 e/90.

di: Francesco Pollasto

Holly e Benji

C’è stato un tempo in cui non contava solo il calcio, ma bastava anche un pallone.

Molto prima che insopportabili termini come top player e offerta monstre popolassero le nostre vite, c’è stato un tempo in cui gli scarpini erano solo bianchi e neri senza colori psichedelici, dove nessuno guardava al look e pensava tanto al danaro, dove i calciatori non avevano canali social dove vantare vittorie e ricchezze, un periodo in cui il bello era semplicemente giocare insieme ai propri amici.

Spesso il campo in erba era pura utopia, così come il pallone in cuoio ed era quasi naturale accontentarsi di terrenti sterrati, asfalti e di qualsiasi oggetto di forma sferica da prendere a calci. Bene, in questo malinconico lasso di tempo, coinciso con l’infanzia dei nati negli anni Ottanta, molti di noi sono cresciuti con i propri idoli.

Mentre Platini lasciava orfana la Juventus, Napoli godeva con Maradona, il Milan scopriva i tre tulipani olandesi e l’Inter tornava grande con Trapattoni, i cuori di molti si tingevano di bianco e blu (o rosso), i colori sociali della mitica New Team, l’unica squadra che metteva tutti d’accordo.Erano i tempi di Holly e Benji .

Holly e Benji 31 anni fa veniva trasmesso per la prima volta in Italia

Holly e Benji 31 anni fa veniva trasmesso per la prima volta in italia

La serie Holly e Benji   arriva nel nostro paese nel 1986 grazie a ReteItalia, società di punta di Fininvest in quel periodo, con il titolo cambiato rispetto all’anime originale. Si imporrà su Italia1, sfruttando negli anni anche la messa in onda di “Palla al centro per Rudy”, un altro cartone animato giapponese a tema calcistico. Il successo è travolgente negli anni Novanta ed è continuato fino ai nostri giorni. Il merito va dato anche alle sigle cantate prima da Paolo Picutti, poi da Cristina D’avena e Marco Destro, infine da Giorgio Vanni.

A Holly e Benji  si sono ispirate le carriere di tantissimi giocatori

Con la storia del pallone come migliore amico, Holly ha conquistato il cuore di moltissimi bambini, pronti ad amare e venerare il Dio del Calcio, ispirando le carriere di tantissimi giocatori, anche quelli della serie A, come Perin  e Gabbiadini (per loro stessa ammissione ndr.). Il cartone animato è un inno all’amicizia, oltre che alla dedizione e allo spirito di sacrificio.

E SE FOSSE LUI IL MR X DI DE LAURENTIIS? Il Napoli vuole la rivelazione della Youth League

La catapulta infernale dei gemelli Derrick

l’indimenticabile catapulta infernale dei gemelli Derrick o ai pali utilizzati come trampolini da Warner, probabile figlio illegittimo di Higuita. Anche le regole dello spazio-tempo erano ridefinite di torneo in torneo. La preparazione di un tiro poteva durare qualche puntata e percorrere il campo (di evidente forma collinare) era un’impresa assai impegnativa. Insomma, questi teneri ma indomiti ragazzini non erano calciatori, erano maratoneti.

Il campo infinito

quando si parla di Holly e Benji, è quella sul chilometrico campo in salita. In realtà il campo è normalissimo, ma per andare incontro alle difficoltà produttive legate all’animazione degli spazi venne utilizzato un metodo prospettico basato sull’utilizzo delle curve, che permetteva di non dover disegnare tutti i giocatori contemporaneamente

I big del calcio

La lista è veramente lunga: con nomi storpiati incontriamo Rivaldo, pallone d’oro ai tempi del Barcellona, visto in serie A con la maglia del Milan; facciamo la conoscenza di Filippo Inzaghi, ribattezzato Inzars, e David Trezeguet, qui Trezegà. Ci sono inoltre riferimenti a Louis Van Gaal, Roberto Carlos, Luis Figo, Raul e Lilian Thuram.

Curiosità

Creato nel 1981 dalle matite di Yoichi Takahashi, Captain Tsubasa è diventato un anime lungo 128 episodi 3 anni dopo. Se siete dei fan in viaggio a Tokyo, non dimenticate di passare per Yotsugi, nel quartiere di Katsushika Ku, dov’è nato Takahashi. Potrete lanciarvi nella ricerca delle otte statue dei protagonisti, sparse per le strade.

Holly e Benji 31 anni fa veniva trasmesso per la prima volta in Italia

ECCO LA PRIMA PUNTATA INTEGRALE DI HOLLY E BENJI

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per seguirci su Twitter

CONSIGLIATI PER TE