Hamsik: “Il Napoli meritava la vittoria. Gli episodi arbitrali? Ci sarebbe da parlarne per ore”

Hamsik Vinery'

Marek Hamsik ha parlato di Napoli-Atalanta e degli episodi arbitrali che hanno deciso la gara. Lo slovacco ha presentato il brand ‘Hamsik Vinery’

A margine della presentazione del brand “Hamsik Vinery” l’ex capitano del Napoli Marek Hamsik ha rilasciato alcune dichiarazioni.

Lo slovacco ha parlato della nuova attività e della gara pareggiata dal Napoli contro l’Atalanta a causa di alcune discutibili decisioni di Giacomelli.

Il vino? Mi sto preparando per quando finirò la carriera. Spero che questo nuovo brand ‘Hamsik Vinery’ vada bene e spero possa piacere anche ai Napoletani.
Napoli-Atalanta? Sono dispiaciuto per i ragazzi che hanno fatto una grande partita e meritavano la vittoria. Sempre molto bello tornare qui e ritrovare l’affetto dei tifosi nei miei confronti.
Gli episodi arbitrali? Ci sarebbe da parlarne per ore, ho visto i ragazzi nello spogliatoio a fine partita. E’ incredibile. Erano arrabbiati, confusi e dispiaciuti.

Ancelotti? Appoggio la sua rabbia, giustamente si è arrabbiato perchè un placcaggio del genere si fa nel rugby e non nel calcio. C’è un rapporto speciale rapporto con la città e spero resti per sempre.

La squadra è forte anche se manca qualche punticino e qualcosa di concreto per arrivare alla Juventus, ma la società sta facendo il possibile per migliorare il club“.

Hamsik ha poi aggiunto: “ Zielinski-Fabian? Molto bene, come tutti. Spero che Zielinski torni ai suoi livelli stabilmente, gli manca forse solo il goal. Ha molta pressione perché è un fuoriclasse, uno dei calciatori più forti con i quali mi sia mai allenato.

Callejon e Mertens in Cina? Non so niente di concreto, ma spero possano continuare a fare bene nel Napoli. Mi piacerebbe essere l’ambasciatore del Napoli e per la squadra più importante della mia carriera.

Non vedo l’ora di ritornare e fare un giro di campo e godermi l’affetto delle curve. Per ora sono l’uomo dei record ma Mertens sta arrivando come un treno e gli auguro tutto il meglio perché è un ragazzo straordinario.

Insigne è cresciuto qui e ama questa maglia, non ha bisogno di consigli. Un mio ritorno? Nel calcio mai dire mai, ma ora penso a fare bene in Cina“.

Hamsik Vinery'