Gli intoccabili: Reina, Hamsik, Callejon e Insigne.

Gli intoccabili: Reina, Hamsik, Callejon e Insigne hanno saltato finora soltanto una partita. Garanzia per Sarri e idoli assoluti dei tifosi.

Di: Donato Martucci CdM

Reina, Hamsik, Callejon e Insigne

NAPOLI-Pepe Reina, Marek Hamsik, Lorenzo Insigne e Jose Maria Callejon. Hanno giocato 38 gare delle 39 disponibili, oltre che intoccabili sono instancabili e nel momento del bisogno hanno dato quel quid in più che Sarri mostra di apprezzare. Sono loro i giocatori azzurri che più di altri hanno giocato quasi tutte le gare azzurre disputate fino ad oggi e sempre a livelli altissimi.

Hanno giocato 38 gare delle 39 disponibili, oltre che intoccabili sono instancabili e nel momento del bisogno hanno dato quel quid in più che Sarri mostra di apprezzare.

Reina, tra altri e bassi e critiche ha mostrato comunque tutta la sua esperienza tra i pali. E’ lui a comandare la difesa, anche se qualche volta gli interpreti schierati dal tecnico non sempre rispondono alle direttive.

Marek Hamsik è l’equilibratore della mediana, ma anche il primo a inserirsi negli spazi e a proporsi come attaccante aggiunto. Quest’anno ha raggiunto 110 gol (12 reti, 10 in campionato e due in Champions) a meno cinque da Maradona, marcatore azzurro di tutti i tempi. È il leader silenzioso, ma anche un centrocampista invidiato al Napoli da tutta Europa. Sarri non si priva della sua capacità di recuperare in fretta dagli impegni ravvicinati e non rinuncia alle sua intelligenza tattica.

Lorenzo Insigne, invece, non aveva cominciato benissimo ma il tecnico lo ha sempre apprezzato. È uno dei pochi talenti del calcio italiano e quando Sarri gli ha dato una certa continuità (schierandolo sempre a sinistra) invece di metterlo in competizione con Mertens, il Magnifico ha mostrato tutte le sue doti: dribbling, inventiva e scambi negli spazi stretti, oltre agli assist, specialità della casa. E non di rado lo si vede anche in fase difensiva. E’ arrivato a 11 reti stagionali (10 in A e 1 in Champions), una garanzia in termini di rendimento, in attesa di firmare il rinnovo del contratto.

Jose Maria Callejon è l’unico attaccante tra i tre che riesce a fare alla perfezione le due fasi con una certa continuità. Un po’ di stanchezza, però, comincia a sentirsi. Ha segnato solo un gol nelle ultime sedici partite, ma è anche normale per un calciatore che brucia l’erba sulla fascia destra, capace però di aggirare con naturalezza il suo diretto marcatore. La freccia di Motril ha segnato quest’anno 11 reti (8 in campionato, due in Coppa Italia e 1 in Champions).

Gli intoccabili

Non mollano un centimetro sono sempre in campo e Sarri non ci pensa proprio a rinunciare al loro apporto.

Sono gli intoccabili, quelli di cui il tecnico tosco-napoletano non può proprio fare a meno. Garantiscono esperienza, duttilità e qualità e costituiscono la spina dorsale di questo Napoli che viaggia a mille, soprattutto lontano dal San Paolo.

I quattro moschettieri di Sarri non perdono un colpo e la corsa al secondo posto passa dalle loro prestazioni che fin qui non hanno deluso le attese.

Potrebbe piacerti anche