Calcio Napoli e cultura Napoletana

Benitez Napoli città meravigliosa. Ecco perché io e De Laurentiis ci siamo divisi

Benitez innamorato  di Napoli. Su ADL spiega:« Ecco perchè ci siamo separati. Napoli città meravigliosa. Sono fiero di vedere ancora che l’ossatura della squadra azzurra sia la mia».

Intervista di Antonio Giordano CdS

Benitez innamorato  di Napoli

Rafa Benitez innamorato di Napoli. Lo spagnolo parla al corriere dello sport della sua avventura partenopea e del rapporto con Aurelio De Laurentiis.

Bentornato, Rafa…

«Ma io non ero mica sparito! Ho scelto di restare a Newcastle, perché volevo riconquistare quella Premier League che avevamo tentato di difendere quando arrivai e trovai una situazione disperata».

Il St James’ Park è innamorato di Benitez, l’hanno convinta a restare dopo la retrocessione e vorrebbero restasse anche adesso.

«Ho ricevuto una accoglienza meravigliosa, che ha toccato le corde emotive. S’è creata empatia, immediatamente. E questo successo è un regalo per tutta Newcastle».

Permetta: la costringiamo a emigrare un po’ in Italia…

«Sono preparato, anche se la Championship distrae e sottrae energia e attenzione. Un campionato estenuante, una fatica continua: sei sempre in campo e in un torneo in cui la concorrenza è agguerrita».

Ma a lei non sarà sfuggito niente…

«Seguo per quel che posso, diciamo che osservo in superficie. E però resto aggiornato».

Rispetto a quando è andato via, è cambiato poco, anzi niente: la Juventus è ancora in testa.

«E non è un caso. E’ una società all’avanguardia, che ha anche potere economico: sono in condizione di spendere, e l’hanno fatto acquistando Higuain, Pjanic, Benatia e anche giovani di valore. Si sono irrobustiti e hanno sottratto alle principali concorrenti giocatori rappresentativi».

E’ una monarchia assoluta.

«Che può durare ancora un po’, perché le distanze con Roma e Napoli sono ancora nette, favorite anche da un bilancio che aiuta a fare la differenza. Ma il gap si può colmare, però serve tempo e anche qualche idea: avere tanti soldi è un privilegio, ma saper programmare è un valore aggiunto che può avvicinare.

Non è certo un caso che anche stavolta Napoli e Roma si stiano giocando secondo e terzo posto, anche questi sono segnali: vuol dire che sono dietro alla Juventus, ma davanti a tutte le altre. E di parecchio».

Parlava, ai suoi tempi napoletani, di business plan.

«Lo facevo anche all’Inter: i progetti si possono costruire anche senza essere necessariamente i più facoltosi, e noi a Napoli qualcosa di nostro abbiamo dimostrato. E’ stata rifatta una squadra, attraverso la cessione di Cavani e altri investimenti mirati, che durano ancora: sono fiero di vedere Reina, Callejon, Mertens, Koulibaly, Ghoulam, Jorginho e Albiol rappresentare l’ossatura».

A Napoli c’è stato per un biennio…

«E ci siamo divertiti, tranne nell’ultima giornata di campionato, quando un rigore sbagliato a un quarto d’ora dalla fine dalla partita-spareggio con la Lazio ci ha negato la possibilità di arrivare terzi, dunque ai preliminari di Champions».

E’ stato un periodo contraddittorio.

«Io dico che si sono gettate le basi per un cambiamento che sta durando. Il livello dell’organico ha acquisito un sapore internazionale, era quello di cui si aveva bisogno; e poi, non vorrei che passassero in secondo piano i successi, la conquista della coppa Italia con la Fiorentina, quella della Supercoppa contro la Juventus. Se vi sembrano dettagli… A me sembrano successi di rilievo, ottenuti peraltro, nel caso della finale di Doha, contro quella che viene ritenuta un’avversaria imbattibile».

Dal diario di Rafa Benitez: «ci può stare».

«La frase dopo la sconfitta al San Paolo con i bianconeri, per un gol subito in fuorigioco».

Con De Laurentiis andò meglio che con Moratti, sembra di capire.

«Abbiamo fatto quello che si poteva: non è un difetto avere una disponibilità economica inferiore ad altri club. Ma De Laurentiis è stato bravo a portare il Napoli a essere stabilmente tra le grandi. Se c’è anche qualcosa di mio nella squadra allestita, e penso ci sia, ne sono orgoglioso. Poi è arrivato un momento in cui le strade dovevano dividersi, avevamo visioni diverse sulla gestione, sulla politica societaria. Ma l’abbiamo fatto con rispetto assoluto, l’uno dell’altro».

Segue il Napoli, comunque…

«Quando è possibile e con la simpatia che merita una città meravigliosa che ha un pubblico fantastico. Ho avuto un rapporto straordinario, ho provato a viverla e credo di esserci riuscito. Ci sono luoghi incantevoli in Campania. E il Napoli è una parte importante della mia vita, perché mi ha consentito di conoscere posti e tradizioni e uomini con i quali non mi ero mai confrontato. Mi piace il Napoli di Sarri, gioca un bel calcio, segna tanto e diverte. Gli auguro anche di vincere, è il prossimo passaggio».

 La sua semifinale di Europa League con il Napoli, a Kiev, contro il Dnipro.

«Credo che i tifosi del Napoli ricordino quali errori abbiamo subito nelle due sfide. Però è impossibile cambiare l’esito di quelle partite».

Se dovesse tornare in Italia in vacanza, dove andrebbe: Milano o Napoli?

«Il calore di Napoli mi ha scaldato».

E in panchina?

«Non posso programmare, non è nelle mie abitudini. Vado dove c’è la possibilità di incidere, di creare qualcosa che sia anche mio».

CONSIGLIATI PER TE